dicembre ’2012

METEO

La stagione delle piogge iniziata i primi di novembre si presenta
in questa prima fase problematica con nei primi 45 giorni solo 46 mm
contro i 190 dello stesso periodo del 2011

 

Tanz-dicembre-1

 

La poca pioggia caduta fino a metà dicembre non è riuscita nemmeno
a rendere lavorabili i terreni più compatti.
Potranno rivelarsi molto importanti le tecniche di Aridocoltura, con la semina
(appena le piogge saranno sufficienti) delle specie (sorgo, miglio, manioca,
caiano, fagiolo dall’occhio) e delle varietà più resistenti alla siccità .

ORTO e FRUTTETI

L’ obiettivo di incrementare progressivamente le produzioni dell’orto
per sostenere con la vendita del surplus delle produzioni l’attività
dell’ospedale è stato finora raggiunto nonostante il furto dell’impianto
di irrigazione che ha rallentato l’attività;il ritrovamento dell’impianto
da parte della polizia, il nuovo pozzo e il nuovo impianto
che dovrebbe essere realizzato a fine gennaio
2013 consentirannodi raggiungere e superare gli obiettivi previsti
e di mettere a disposizione della popolazione della zona alimenti freschi
prodotti in loco, altrimenti poco accessibili per le famiglie della zona.
 
Gli alberi da frutto ( Avocado, Mango, Banani, Frutto della Passione e Moringa)
di nuovo impiantohanno ben superato la stagione secca e nei prossimi mesi
ci saranno le prime produzioni di banane e frutto della passione.

 

Tanz-dicembre-2

 

POLLI CONIGLI API TILAPIA
Ci sono state numerose schiuse con le nuove incubatrici, i pulcini stanno crescendo
e a fine gennaio, una volta incrementato il numero di capi nel pollaio dell'Ospedale,
si inizierà a incubare uova per gli agricoltori del villaggio.
Si sono avute le prime tre nidiate di conigli per un totale di 16 piccoli che stanno
crescendo regolarmente.
Sono sistemate 30 arnie, le ultime non ancora occupate sono state predisposti
per accogliere nuove colonie non appena “sciameranno” e con le imminenti fioriture
riprenderà in pieno l’attività delle api, se le fioriture saranno adeguate, si prevede
una raccolta di non meno di 300 chili di miele.
Il programma prevede anche la diffusione dell’apicoltura fra gli agricoltori locali.
Le Tilapie presenti nel laghetto si sono abbondantemente riprodotte e ne sono
già stati pescati 10 Kg.
BOVINI
Il nuovo torello purtroppo si sta confermando sterile, ma grazie all’alimentazione
più razionale e alle altre pratiche consigliate dalla Facoltà di Agraria di Firenze
la produzione di latte è stata incrementata, raggiungendo picchi produttivi,
in presenza di erba fresca, anche di 10/12 litri di latte
al giorno. Gelso e Leucaena si sono confermate come piante valide
per fornire alimento fresco
nella stagione secca . Anche l’Opuzia (fico d’india, sarebbe ottima
… se le vacche la lasciassero crescere... ).
Grazie ai nuovi terreni messi a coltura presso la missione di Manyoni ci sarà
molto più fieno e pannello di girasole a disposizione dei bovini nella
prossima stagione.           
Resta sempre aperto anche l’obiettivo del miglioramento genetico.
 
ORGANIZZAZIONE
Tutta l’attività agricola interna all’ospedale è stata razionalizzata, ogni settore
ha un responsabile in grado di portala avanti anche in assenza di Gabriele
(uno degli obiettivi fondamentali)

 

Tanz-dicembre-3

 

AGRICOLTORI ESTERNI
Si sono consolidati i rapporti con oltre cento agricoltori esterni, l’impegno
è dare formazione tecnica, fornitura di semi di varietà tolleranti la siccità
fra cui 1000 kg di seme di Mais della varietà risultata più idonea
nei campi sperimentali dell’ospedale, e diffusione del caiano e dalla manioca,
come specie in grado di assicurare una alimentazione minima anche
negli anni siccitosi.
L’impegno futuro sarà consolidare e sviluppare questa attività.
Aumentano gli agricoltori che si rivolgono all’”ufficio vendite” dell’ospedale per
richiedere, semi, agro farmaci , consulenze e lavorazione dei terreni.
CANTINA DI MIYUJI
Grazie al sostegno della facoltà di Agraria di Firenze e al contributo
della fondazione Marchi, sotto la direzione di padre Henry è stato
effettuato l’impianto del vigneto sperimentale ed è stata realizzata
la fornitura di acqua corrente alla cantina e alla vigna. Con la prossima vendemmia
di febbraio padre Henry dovrebbe iniziare le prime vinificazioni adottando le tecniche
apprese presso l’Università di Firenze e l'Azienda Agricola di Montepaldi.
CONSERVAZIONE DELLE DERRATE
Partendo dall’osservazione delle grosse perdite dei raccolti a causa della
mancanza di adeguate tecniche e strutture per lo stoccaggio della granella
sono stati realizzati da un operatore volontario fiorentino Raffaele Di Mauro,
per contodei Missionari e con il finanziamento di Mediafriends,
numerosi Silos metallici in grado di stoccare circa 200 tonnellate di granella.     

Tanz-dicembre-4

                     

GABRIELE che rientra in Italia il 22 dicembre per passare le festività
con i suoi e partirà per la Tanzania a fine gennaio augura a tutti.

BUON NATALE E BUON 2013

CHRISTMAS NJEMA NA KILA LA HERI KWA MWAKA MPIA!!!