Progetto Tanzania

Progetto Tanzania consuntivo dell'anno 2012

dicembre ’2012

METEO

La stagione delle piogge iniziata i primi di novembre si presenta
in questa prima fase problematica con nei primi 45 giorni solo 46 mm
contro i 190 dello stesso periodo del 2011

 

Tanz-dicembre-1

 

La poca pioggia caduta fino a metà dicembre non è riuscita nemmeno
a rendere lavorabili i terreni più compatti.
Potranno rivelarsi molto importanti le tecniche di Aridocoltura, con la semina
(appena le piogge saranno sufficienti) delle specie (sorgo, miglio, manioca,
caiano, fagiolo dall’occhio) e delle varietà più resistenti alla siccità .

ORTO e FRUTTETI

L’ obiettivo di incrementare progressivamente le produzioni dell’orto
per sostenere con la vendita del surplus delle produzioni l’attività
dell’ospedale è stato finora raggiunto nonostante il furto dell’impianto
di irrigazione che ha rallentato l’attività;il ritrovamento dell’impianto
da parte della polizia, il nuovo pozzo e il nuovo impianto
che dovrebbe essere realizzato a fine gennaio
2013 consentirannodi raggiungere e superare gli obiettivi previsti
e di mettere a disposizione della popolazione della zona alimenti freschi
prodotti in loco, altrimenti poco accessibili per le famiglie della zona.

Gli alberi da frutto ( Avocado, Mango, Banani, Frutto della Passione e Moringa)
di nuovo impiantohanno ben superato la stagione secca e nei prossimi mesi
ci saranno le prime produzioni di banane e frutto della passione.

 

Tanz-dicembre-2

 

POLLI CONIGLI API TILAPIA
Ci sono state numerose schiuse con le nuove incubatrici, i pulcini stanno crescendo
e a fine gennaio, una volta incrementato il numero di capi nel pollaio dell'Ospedale,
si inizierà a incubare uova per gli agricoltori del villaggio.
Si sono avute le prime tre nidiate di conigli per un totale di 16 piccoli che stanno
crescendo regolarmente.
Sono sistemate 30 arnie, le ultime non ancora occupate sono state predisposti
per accogliere nuove colonie non appena “sciameranno” e con le imminenti fioriture
riprenderà in pieno l’attività delle api, se le fioriture saranno adeguate, si prevede
una raccolta di non meno di 300 chili di miele.
Il programma prevede anche la diffusione dell’apicoltura fra gli agricoltori locali.
Le Tilapie presenti nel laghetto si sono abbondantemente riprodotte e ne sono
già stati pescati 10 Kg.
BOVINI
Il nuovo torello purtroppo si sta confermando sterile, ma grazie all’alimentazione
più razionale e alle altre pratiche consigliate dalla Facoltà di Agraria di Firenze
la produzione di latte è stata incrementata, raggiungendo picchi produttivi,
in presenza di erba fresca, anche di 10/12 litri di latte
al giorno. Gelso e Leucaena si sono confermate come piante valide
per fornire alimento fresco
nella stagione secca . Anche l’Opuzia (fico d’india, sarebbe ottima
… se le vacche la lasciassero crescere... ).
Grazie ai nuovi terreni messi a coltura presso la missione di Manyoni ci sarà
molto più fieno e pannello di girasole a disposizione dei bovini nella
prossima stagione.           
Resta sempre aperto anche l’obiettivo del miglioramento genetico.
 
ORGANIZZAZIONE
Tutta l’attività agricola interna all’ospedale è stata razionalizzata, ogni settore
ha un responsabile in grado di portala avanti anche in assenza di Gabriele
(uno degli obiettivi fondamentali)

 

Tanz-dicembre-3

 

AGRICOLTORI ESTERNI
Si sono consolidati i rapporti con oltre cento agricoltori esterni, l’impegno
è dare formazione tecnica, fornitura di semi di varietà tolleranti la siccità
fra cui 1000 kg di seme di Mais della varietà risultata più idonea
nei campi sperimentali dell’ospedale, e diffusione del caiano e dalla manioca,
come specie in grado di assicurare una alimentazione minima anche
negli anni siccitosi.
L’impegno futuro sarà consolidare e sviluppare questa attività.
Aumentano gli agricoltori che si rivolgono all’”ufficio vendite” dell’ospedale per
richiedere, semi, agro farmaci , consulenze e lavorazione dei terreni.
CANTINA DI MIYUJI
Grazie al sostegno della facoltà di Agraria di Firenze e al contributo
della fondazione Marchi, sotto la direzione di padre Henry è stato
effettuato l’impianto del vigneto sperimentale ed è stata realizzata
la fornitura di acqua corrente alla cantina e alla vigna. Con la prossima vendemmia
di febbraio padre Henry dovrebbe iniziare le prime vinificazioni adottando le tecniche
apprese presso l’Università di Firenze e l'Azienda Agricola di Montepaldi.
CONSERVAZIONE DELLE DERRATE
Partendo dall’osservazione delle grosse perdite dei raccolti a causa della
mancanza di adeguate tecniche e strutture per lo stoccaggio della granella
sono stati realizzati da un operatore volontario fiorentino Raffaele Di Mauro,
per contodei Missionari e con il finanziamento di Mediafriends,
numerosi Silos metallici in grado di stoccare circa 200 tonnellate di granella.     

Tanz-dicembre-4

                     

GABRIELE che rientra in Italia il 22 dicembre per passare le festività
con i suoi e partirà per la Tanzania a fine gennaio augura a tutti.

BUON NATALE E BUON 2013

CHRISTMAS NJEMA NA KILA LA HERI KWA MWAKA MPIA!!!

 

Progetto Tanzania aggiornamento novembre 2012

 

PROGETTO TANZANIA AGGIORNAMENTO NOVEMBRE 2012
 
Meteo
Le piogge aspettate per novembre non sono arrivate (appena 26 mm. ai primi del mese invece
di 90-100 degli anni precedenti) . C’è quindi la probabilità ( del 37% secondo un modello
previsionale elaborato sulla base di dati sulla pluviometria raccolti da una stazione meteo
di Manyoni dal 1931) di avere un anno siccitoso con piogge inferiori ai 500 mm.(la media
delle piogge annue si aggira sui 726 mm.) se non addirittura ai 400 mm. (come accade circa ogni 10 anni)
Se effettivamente piovessero meno di 500 mm vi saranno critiche complicazioni per l’intero
settore agricolo e di conseguenza per la sicurezza alimentare della zona.
 
Considerazioni agronomiche per contenere i danni nelle annate siccitose
Le strategie che i coltivatori della zona possono adottare in questa situazione sono legate
alla differenziazione colturale con semine di specie che, nelle prove sperimentali presso i campi
dell’Ospedale, hanno dimostrato di avere maggiori capacità di produrre anche in presenza di scarsità
di precipitazioni.
Sulla base di questo saranno consigliati agli agricoltori della zona questi interventi:
-          tenere filari e siepi di Cajano che, oltre a servire da frangivento (limitando quindi l’evapotraspirazione)
e fissare azoto, potranno produrre anche in caso di scarse precipitazioni fornendo un alimento
proteico che si rivelerebbe fondamentale per la dieta. Inoltre la vegetazione del Cajano potrà essere
usata per l’alimentazione del bestiame una volta effettuate le raccolte dei baccelli
-          piantare manioca: la manioca riesce a produrre anche con piogge di soli 300 mm nel corso della stagione.
      1 kg di manioca contiene 1600 Kcal, derivate quasi totalmente da carboidrati. Considerando che un uomo consuma
     circa 2000 Kcal al giorno, per una famiglia di 5 persone basterebbe avere a disposizione circa 2000 kg di manioca,
     quantità ottenibile dalla coltivazione di poco più di mezzo acro ( 2.400 mq). utilizzare varietà migliorate di mais selezionate
    per la precocità e la resistenza a condizioni di aridità. seminare sorgo, miglio e fagiolo dell’occhio: specie che necessitano di quantità minori di acqua rispetto al mais per completare il proprio ciclo produttivo.
-   restano naturalmente valide tutta quelle pratiche che permettono un maggior accumulo dell’acqua nel suolo.
 
Agrumeto
A seguito del trattamento, finito il tempo di carenza, sono riprese le raccolte . La situazione fitosanitaria
è buona e si prosegue regolarmente con spollonature e irrigazioni.
 
Jatropha
Le lievi piogge registrate i primi di Novembre sono state sufficienti per far ripartire l’attività vegetativa
delle piante che si trovano al momento in fase di germogliamento.
 
Orto
Le produzioni sono in ripresa rispetto allo scorso mese, ma si mantengono comunque basse rispetto a quelle realizzate durante il periodo di attività dell’impianto a goccia.
La polizia ha ritrovato l’impianto di irrigazione a goccia rubato, che è stato riposizionato sui campi (vedi foto).
 
Frutteti e parcelle.
Il frutto delle passione mostra numerosi frutti immaturi e la raccolta dovrebbe iniziare nel mese di Dicembre.
I banani, grazie alle regolari irrigazioni, proseguono la loro attività vegetativa,
molte piante hanno già sviluppato diversi polloni che saranno
più che sufficienti per recuperare le poche fallanze nel bananeto.
Le prime produzioni sono previste per la fine della stagione delle piogge.
Nessuna novità di rilievo per le altre piante, la situazione fitosanitaria è buona
e le irrigazioni proseguono regolarmente.
 
Laghetto
E’ stato aumentato il cibo distribuito nel laghetto per i pesci, ma ancora
non sono state effettuate nuove pesche.
 
Coltivatori esterni
Sono stati forniti ai vari gruppi dei coltivatori della zona più di 5 quintali di semi di mais TAN 250, ma sono
previste ulteriori forniture per un totale che dovrebbe aggirasi sui 1000 Kg, ovvero la quantità di seme
necessaria a coprire circa 200 acri di terreno e che potrebbe permettere a 200 famiglie della zona
(la varietà migliorata viene seminata
in genere su 1 acro di terreno) di ottenere comunque produzioni discrete anche in caso di annata siccitosa.
Sono stati distribuiti gratuitamente 40 Kg di seme di Cajano, 5 Kg per gruppo ed ulteriore seme
è disponibile presso il negozio.
A Dodoma sarà presto reperibile una varietà di Sorgo migliorata che sarà in parte distribuita
gratuitamente e un’altra sarà presente nel negozio.
In negozio è stato venduti oltre 1 quintale di seme di mais TAN 250, le scorte
sono nuovamente in esaurimento e ci sono altri ordini.
 
Stalla e allevamenti
Le produzioni della stalla sono in aumento grazie ai diversi parti avvenuti nell’ultimo periodo, le medie si
mantengono sui 5 litri a capo, ma con l’inizio delle piogge e la nuova erba, ci si attende una rapida risalita
delle medie e si prevedono quindi ottime produzioni totali.
Il toro nuovo sembra ormai certo che non sia fecondo.
A Manyoni si raccoglierà fieno su circa 10 ettari di terreno il che dovrebbe finalmente fornire una
quantità di fieno sufficiente a sopperire alle esigenze delle vacche nel periodo della stagione secca
riducendo in questo modo l’ancora elevata differenza di produzione di latte tra stagione secca e asciutta.
 
-        Apicoltura
Dato che le piogge ancora non sono arrivate si prevede un ritardo anche nella raccolta del miele, le api
hanno ripreso una certa attività, ma la quantità di fioritura è ancora molto scarsa per poter permettere alle
api di accumulare scorte di miele.
 
-        Polli
Le produzioni di uova si mantengono costanti, i pulcini non mostrano problemi e fra non molto
quelli della prima schiusa
saranno galline e dovrebbe iniziare con le produzioni di uova.
Ci sono ormai pulcini a sufficienza per arrivare ad aver un pollaio da oltre 100 capi per cui da dicembre,
con le incubatrici, si inizieranno a schiudere le uova conto terzi.
I pulcini sono controllati regolarmente e nel caso si manifesti qualche problema si interviene immediatamente.
La prova sull’alimentazione è stata momentaneamente interrotta a causa di una serie di eventi che
si sono verificati nell’ultimo mese: mentre il responsabile del negozio, Mze Linus, era in ferie (rientrerà
Lunedì) Pasko, il responsabile dei campi, si è ammalato di tifo ed è stato assente per una decina di giorni,
contemporaneamente il responsabile dell’orto del Motel e dei piccoli allevamenti, Hussein, ha avuto un
lutto in famiglia ed ha avuto una settimana libera. Nello stesso periodo sono state necessarie le visite ai
gruppi di agricoltori   per la fornitura dei semi e le arature dei campi di Manyoni . Tutti interventi urgenti
vista l’ auspicata imminenza delle piogge.
La prova di alimentazione con il Cajano bollito sarà perciò ripresa a gennaio quando i periodi delle ferie
saranno finiti e ci sarà il personale al completo.
 
-        Conigli
Dopo la sostituzione del maschio e l’acquisto di nuove femmine dalle Suore della Misericordia,
vi è stata la prima nidiata di conigli,
6 piccoli che al momento godono di ottima salute, vi sono altre
2 femmine gravide che dovrebbero partorire a breve.
 
Miyuji
I lavori   per il reimpianto del vigneto procedono senza intoppi, e si stanno iniziando a liberare  i
fermentino in previsione della prossima vendemmia.
 
Varie
Il trattore prosegue nei lavori di aratura. Sono stati arati 50 acri dei campi dell’Ospedale
e del Vicariato a Manyoni e 102 acri dei campi dei coltivatori della zona.
Le richieste di lavorazioni sono moltissime e non sarà possibile riuscire ad evaderli tutti
prima dell’arrivo delle piogge.
1 acro tanzaniano = 4.900 mq.              
 
I silos di Raffaele
Raffaele di Mauro, fiorentino esperto nella lavorazione del ferro che da anni opera in Tanzania
presso l'Ospedale, sta ultimano in questo periodo la costruzione di silos per lo stoccaggio di granella.
Il progetto, finanziato da Mediafriends, prevede la costruzione di strutture in ferro per lo stoccaggio
degli alimenti in modo da permettere una corretta conservazione delle granaglie.
Il progetto è molto importante nel contesto Tanzaniano poiché i dati rilevano perdite
nello stoccaggio dei prodotti superiori al 20% e molte famiglie sono costrette a vendere
le loro produzioni subito dopo la raccolta, con prezzi per loro sfavorevoli, proprio per la mancanza
di strutture di stoccaggio.
 
Notizie relative all’ospedale
NDOT INAENDE = IL SOGNO CONTINUA!
L’Ospedale “Mtakatifu Gaspari” (San Gaspare, in lingua swahili) di Itigi ha superato
il quarto di secolo di vita e continua il suo lavoro in una delle regioni più povere della Tanzania,
quella di Singida, al centro del Paese, che risulta dagli ultimi dati statistici, all’ultimo posto
per lo sviluppo economico di tutta l’intera nazione.
Dallo scorso anno il “St. Gaspar” Hospital è diventato “Referral Hospital”, cioè ufficialmente
è stato riconosciuto come uno dei migliori del paese e quindi inserito in quella ristretta cerchia
degli ospedali che sono qualificati come “di riferimento” per la Tanzania.
E ora?     Il sogno continua per la struttura pediatrica dell’Ospedale “San Gaspare” infatti inizia
una nuova fase per il reparto di pediatria: i suoi circa 2.500 mq. di superficie verranno riadattati in maniera sostanziale per venire incontro alle indicazioni dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”
che, attraverso la presenza continuativa dei suoi medici e con l’apporto delle sue tecnologie
aumenterà l’eccellenza della pediatria del “St. Gaspar” Hospital portandola ad essere,
probabilmente, un punto di riferimento non solo per la Tanzania ma per una parte dell’Africa.
Si dovranno realizzare una sala operatoria, nuovi ambulatori specialistici e collegamenti
per la telemedicina, e tanto altro, che permetteranno interventi e diagnosi
finora impensabili in Tanzania.

Tanz-ospedale-Itigi
Qualche statistica:
Il numero di ricoveri l'anno di aggira sui 6000 pazienti (5781 nel 2011), di questi più di 1200
sono a causa della Malaria.
Il numero di visite effettuate presso l'OPD dell'Ospedale, arriva invece a quasi
40'000 pazienti l'anno, di cui circa 10'000 sono bambini sotto i 5 anni di età.
 

Progetto Tanzania aggiornamento ottobre 2012

 

Meteo

Durante il mese di ottobre le temperature sono innalzate e si attestano regolarmente sui 30°, i venti sono costanti . Le prime piogge dovrebbero arrivare con i primi di novembre. Con l’arrivo delle piogge riprenderà in pieno l’attività agricola, quasi bloccata dalla prolungata siccità.

 

Novità

L’Ospedale di Itigi ha acquistato un trattore con un aratro a dischi!!

 

Agrumeto

E’ stata completata la potatura presso l’agrumeto, la situazione fitosanitaria è buona dopo gli ultimi trattamenti e la raccolta riprenderà dopo la fine del periodo di carenza dei fitofarmaci..

I nuovi agrumi sono tutti attecchiti senza problemi.

I lavori procedono con regolari spollonature e l’ irrigazione. All’arrivo delle piogge si procederà alla sarchiatura.

 

Jatropha

Le piante sono state potate per favorire l’emissione di getti laterali al fine di incrementare la produzione. Le piante sono sempre in riposo vegetativo.

 

Orto e campi

Le produzioni sono diminuite a seguito del furto del sistema di irrigazione ma la situazione dell’orto è comunque buona e proseguono regolarmente semine e trapianti.

Nell’orto del Motel sono necessari interventi di risemina per i danni causati dalle manguste.

Sono stati organizzati i turni di ferie degli operai, visto che vengono richieste da tutti in novembre e dicembre, periodo di intensa attività nei campi.

 

Nuovi frutteti .

È stata ripristinata la pergola di frutto della passione che iniziava a cedere sotto il peso della fitta vegetazione sviluppatasi grazie alle regolari irrigazioni. Sono presenti i primi frutti immaturi e le produzioni si prospettano abbondanti.

I banani mostrano i primi polloni. La prima produzione è previste per la fine della imminente stagione delle piogge (marzo 2013).

Le nuove piante di mango, eccetto due che sono seccate , non presentano problema di sorta.

Agrumi nuovi, guava, avocado, annona e moringa con le prime piogge riprenderanno a sviluppare.

 

Cajano

Tanz-ottobre1   Sono stati cucinati una decina di Kg di Cajano e fatti assaggiare gratuitamente (vedi foto) ai clienti del negozio in uno dei giorni di maggior affluenza. Sono state distribuite anche distribuite delle dispense in Kiswahili preparate da Gabriele, sul suo uso e la coltivazione.

Si conferma che l’alimento risulta estremamente gradito, al negozio abbiamo venduto tutto il prodotto raccolto rimasto e le prime piccole quantità di seme trattato.

La diffusione della coltivazione del Cajano , un legume che vive più anni e produce anche nelle annate più siccitose, era e rimane uno degli obiettivi del progetto.

 

 

 

 

Laghetto

È stata effettuata una nuova pesca e sono stati raccolti quasi 10 Kg di pesce. La raccolta è stata buona ma si è constatato che la misura media è ancora troppo scarsa e quindi è stata incrementata l’alimentazione con crusca di mais e residui vegetali.

Tanz-ottobre-2

Coltivatori esterni

Quando arriveranno le varietà di Sorgo e Miglio (cereali che producono anche nelle annate più siccitose e la cui maggiore coltivazione da parte degli agricoltori è uno degli obiettivi del progetto) verrà fatto il giro dei gruppi di agricoltori esterni che seguiamo distribuendo campioni gratuiti di questi semente assieme al Cajano, per sviluppare queste coltivazioni, oltre al tradizionale mais.

 

 

 

Stalla e allevamenti

Ci sono stati 3 nuovi parti nel mese di Novembre. Un vitellino purtroppo è morto per problemi respiratori in seguito al parto, gli altri 2 (femmine) godono di ottima salute. Le produzioni totali sono salite ed anche le medie risultano discrete per la stagione (5,5 litri di latte a capo).

La prima vacca che ha partorito è già rientrata in calore ed è stata saltata dal nuovo toro. Il nuovo torello, che ormai ha superato i due anni, avrà così l’occasione, con questo e con altri accoppiamenti, di dimostrare per l’ultima volta la sua fertilità.

E’ stato raggiunto un accordo per la coltivazione dei terreni della Missione di Manyoni, (c.a. 30 Km da Itigi) , che saranno lavorati con il nuovo trattore dell’ospedale. L’ accordo tra le altre cose prevede la raccolta di 25 acri di fieno da parte dell’Ospedale utilizzando i terreni incolti e le attrezzature per la fienagione presenti a Manyoni.

 

  Apicoltura

È stata fatta l’ispezione a tutte le arnie dell’apiario. L’attività è iniziata con le prime fioriture di Eucalipto ad ottobre, ma le colonie sono ancora molto poco numerose per poter ipotizzare una raccolta di miele a breve. Gli esperti di Manyoni hanno indicato come periodo per la prima raccolta del miele per la zona, il mese di Febbraio e per la seconda il mese di Luglio.

 



Polli

Tanz-ottobre-3

Le produzioni di uova si mantengono costanti e al momento quasi tutte le produzioni sono destinate all’incubazione, ma la percentuale delle prime due prime schiuse è ancora solo del 50%, la maggior parte delle uva che non schiudono risultano non fecondate.

La crescita dei pulcini della prima schiusa è costante e misurata regolarmente. I secondi pulcini sono alimentati con la stessa razione dei precedenti, ma utilizzando il Cajano bollito, che secondo la bibliografia esalta così tutti i suoi valori nutritivi, per verificare le possibili differenze.


Conigli

Si sta cercando un nuovo maschio (visto che l’attuale è risultato non fertile !!!) Verrà preso dalle suore che curano l’asilo di Itigi che forniranno anche un paio di femmine già fecondate. In cambio faremo una schiusa di uova per loro , in modo da incrementare il pollaio che hanno.

 

Alimenti alternativi per i bovini

Opunzia Laucena e Gelso on mostrano problemi e confermano la loro potenziale validità come alimenti integratori per la stagione secca..

Miyuji

Prima della prossima vendemmia (febbraio) saranno disponibili per Padre Henry 3 fermentini di acciaio e 2 sempre pieni:. Così padre Henry dovrebbe iniziare progressivamente 4 nuove linee di vinificazione: un bianco, due rossi e un vino da Messa

Riguardo i lavori di reimpianto del vigneto sono ultimati i lavori di scasso e sono in corso le letamazioni.

I lavori di installazione della pompa e il relativo collegamento alla rete della cantina e dell’irrigazione del vigneto sono conclusi.

 

Varie

 

Tanz-ottobre-4

È arrivato a Itigi il nuovo trattore JD da 75 Cv acquistato dall’Ospedale.

Al momento viene utilizzato per lavorare i terreni ricchi di sostanza organica dei coltivatori della zona che lo richiedono per preparali per le semine che effettueranno con l’imminente stagione delle piogge (all’interno dell’Ospedale i suoli sono troppo compatti ed è necessario aspettare l’arrivo delle piogge per non rovinare la struttura del terreno) Le lavorazioni agli agricoltori della zona , oltre a facilitare la loro attività, consentiranno di ammortizzare il costo del trattore stesso. La lavorazione, effettuata da un operaio dell’ospedale , viene fatta pagare da 40.000 a 50.000 scellini ad acro a seconda della compattezza del terreno.

 

1 acro tanzaniano = 4.900 mq.              

Il cambio euro scellino tz. è circa 1 euro = 2.000 scellini

 

 

Notizie relative all’ospedale

 

Nasce in Tanzania il Centro clinico-chirurgico di Itigi.

E’ stato siglato il 18 ottobre l’ accordo di collaborazione tra Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e la Congregazione dei Padri del Preziosissimo Sangue già è impegnata da anni nella promozione della salute dei piccoli in questa area; con tale accordo è stata avviata la ristrutturazione del reparto pediatrico dell'Ospedale Saint Gaspare di Itigi

Dall’inizio del 2013 il reparto pediatrico dell’ospedale di Itigi diventerà "Centro clinico-chirurgico Bambino Gesù Itigi” e sarà gestito in collaborazione da Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e la Congregazione dei Padri del Preziosissimo Sangue.

Nel mese di Ottobre è stata presente una delegazione del Bambin Gesù guidata dal Dr. Mario Zama che oltre definire alcuni dettagli relativi all’apertura del Centro hanno operato presso la sala operatoria dell’Ospedale numerosi pazienti.

 

Progetto Tanzania settembre aggiornamento 2012

Meteo

Si avvicina velocemente l’estate, le temperature sono salite velocemente a 30° ed anche le minime salgono.
Gli anziani, considerando l’ innalzamento repentino della temperatura, dicono che le piogge inizieranno a prima del solito (novembre). Il cielo è terso e i venti costati da est.
 
Agrumeto
Sono iniziate le potature degli aranci (buona situazione fitosanitaria e buona produzione) e dei limoni dove si evidenziano i primi attacchi di cocciniglia e dove la potatura sarà più importante.
Sono stati impiantati 12 nuovi agrumi, tra aranci e mandarini, le piantine sono state acquistate presso l’Università di Agricoltura di Morogoro; la varietà degli aranci è Valencia mentre per i Mandarini avevano solo della varietà locali non ben identificate.
 
Jatropha
Ultimata la potatura dell’agrumeto si procederà a quella della Jatropha che è in una situazione di stasi vegetativa.
Con la disponibilità del trattore, all’arrivo delle piogge,verrà seminata la Jatropha nella zona di proprietà dell’Ospedale posta all’esterno della recinzione per realizzare la siepe che ne delimita i confini.
settembre1
Orto e campi
Le produzioni dell’orto nel mese di settembre sono state molto buone, in particolare pomodori, bieta, cipolle, melanzane e peperoni. Di Okra c’era molta richiesta e le produzioni non sono risultate sufficienti a coprirla, abbiamo comunque seminato numerose nuove parcelle di tale articolo per evitare questo problema in futuro.
Purtroppo ,è stato nuovamente rubato l’impianto di irrigazione a goccia, con conseguenti ovvi problemi considerata la limitata disponibilità di acqua. Anche l’ampliamento dell’orto per il momento è rinviato in attesa che la direzione del’ospedale , decida l’acquisto di un nuovo impianto. Un guardiano è stato assegnato alla vigilanza dell’ara coltivata.
Tutte le piante pomodori, ocra, cetrioli, melanzane i peperoni,…. sono i irrigati manualmente ma le produzioni sono diminuite e si notano sintomi di stress idrico.
 
Parcella per annate siccitose
Moringa olifera: sono state fatte prove di cottura con frutti immaturi : i baccelli piccoli lessati e saltati in padella con il pomodoro si mangiano bene e hanno un sapore gradevole, quando crescono diventano fibrosi ed è impossibile mangiarli.                                                                                                                                                                                 
settmbre2settembre3
Per le prove di estrazione dell’olio dai semi, cosi come per far assaggiare il prodotto fresco cucinato, è necessario attendere che le produzioni aumentino

Cajano: è stata fatta una prova di cottura (tipo “uccelletto”) e sono stati fatti assaggiare ai dipendenti dell’ospedale in occasione dell’apertura del nuovo negozio, è stata apprezzata da tutti e vi sono state le prime richieste di semi da parte dei dipendenti. Per piantarlo nei loro orti. Durante la degustazione è stata distribuita una pubblicazione in Kiswahili sui possibili usi e sulla coltivazione del Cajano.

L’assaggio sarà poi proposto alle persone che vengono a prendere la verdura nei giorni di maggiore affluenza, assieme alle copie della pubblicazione e saranno resi disponibili per la vendita i semi conciati imbustati in piccole confezioni da poche centinaia di scellini.

 

Frutteti

Non vi sono novità di rilievo,molte piante sono in riposo vegetativo.

 

Laghetto

I pesci sono numerosi ,ma durante la pesca sfuggono dalle reti ,passando sotto e lateralmente . L’ultima pesca, a fine settembre, è stata di 15 esemplari, si stanno studiando nuovi sistemi per facilitare la pesca.

Coltivatori esterni

E’ stata effettuata una prima visita a 4 gruppi di agricoltori (Manyoni, Bangayega e Damwelu e Mji Mpia).

Le impressioni sul seme di mais da noi fornito la scorsa stagione (il TAN 250) sono positive sia in termini di qualità del prodotto (particolarmente soddisfatti della dimensione della cariosside) che di precocità. Vi sono stati alcuni pareri contrastanti sulle rese ma sono stati tutti d’accordo sul fatto che il ritardo nella fornitura del seme e quindi della semina , unito all’interruzione delle piogge fuori dal comune avvenuta nel mese di Febbraio ha influito negativamente. Dal confronto con la resa della varietà locale seminata nello stesso periodo risulta evidente che il seme fornito da noi ha sopportato meglio l’interruzione delle piogge. Per quest’anno è già stata considerata una scorta maggiore di semi in modo da fare fronte alle richieste di seme.

Sono stati richiesti anche semi di cipolla.

 

Stalla e allevamenti

Nessuna novità di rilievo. Non vi è ancora la possibilità di testare il toro nuovo, tutte le femmine o sono gravide o ancora troppo giovani. Il prossimo mese dovremmo avere diversi parti.

settembre4settembre5

-          Apicoltura:

Per quanto riguarda l’apiario è iniziata una fase di leggera attività delle api grazie alle prime fioriture di Eucalipto. L’attività è ancora molto limitata e non vi saranno produzioni da raccogliere a breve, ma nel mese di Ottobre si effettueranno nuovi controlli per capire la quantità di miele prodotta e fare le prime stime sul periodo di raccolta.

Il seminario di Miyuji ha lasciato a Padre Serafino un fondo per la costruzione di arnie top bar, appena i falegnami avranno ultimato i lavori in atto inizieranno la costruzione per le arnie per il seminario e quindi Gabriele si recherà a Miyuji per installarle e fare la prima formazione sulla loro gestione.

-          Polli:

Le produzioni di uova si mantengono costanti tra le 8 e le 10 uova al giorno , i 6 galli presenti sono stati ridotti a 3. Tra poco dovrebbe avvenire la prima schiusa delle uova messe nella incubatrici mandate dalla Cooperativa, è stata stabilita la razione di mangime (a base principalmente di Mais e Caiano) per i pulcini ed ogni settimana verrà rilevato il peso. Questa prima cova ha anche lo scopo di testare le incubatrici e il loro uso, in considerazione dell’alta temperatura ambientale.

-          Conigli:

Una coniglia è gravida e dovrebbe partorire all’inizio di Ottobre, una coniglia è presumibilmente gravida e una terza è stata fatta accoppiare.

 

Alimenti alternativi per i bovini

Per gli alimenti alternativi per il bestiame l’Opuntia brucata dalle mucche scappate al guardiano è in riposo vegetativo, Laucaena e Gelso vengono periodicamente tagliate per dare al bestiame foglie fresche.

 

Miyuji

Padre Henry si sta seguendo lo scasso di una quindicina di filari per le nuove viti e poi si occuperà della concimazione.

Si sta studiando una linea di vinificazione rivolta alla produzione del vino da Messa, molto richiesto.

 

Varie

Notizie dall’ospedale

L’Ospedale St. Gaspar di Itigi e l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù stanno rafforzando la collaborazione per creare un centro di eccellenza Pediatrico a Itigi.

E’ in fase di progettazione una nuova sala operatoria all’interno della Pediatria di Itigi.

 

Progetto tanzania aggiornamento fine agosto 2012

 

tanz-agosto1

Gabriele è rientrato da un mese ad Itigi e sta riorganizzando e sviluppando l’attività.

In Tanzania agosto è il mese centrale dell’inverno e della stagione secca; la temperatura ad Itigi oscilla fra i 14°dell’alba e i 29° delle prime ore del pomeriggio.

Le erbe sono ormai tutte secche e molti alberi sono senza foglie.

La situazione che ha trovato Gabriele è complessivamente positiva.

Tanz5

L’agrumeto e gli orti sono in produzione. La stalla e gli altri allevamenti funzionali.

Prima dell’inizio della prossima stagione delle piogge saranno effettuate potature e, dove necessario, trattamenti antiparassitari.

Il programma è di incrementare l’orto con l’irrigazione a goccia per altri mq. 1.000 in modo da soddisfare la sempre maggiore richiesta di ortaggi., utilizzando per questo le offerte che sono state date a Gabriele durante la festa sociale in Cooperativa e ricevute da altre persone.

I nuovi impianti di alberi da frutto (mango, banani, guava, avocadi, nuovi agrumi) stanno crescendo ed i frutti della passione e la papaia hanno già i primi frutti allegati. Le piante di moringa oleifera hanno superato i due metri di altezza e quelle irrigate fanno fiori e frutti.

Nel settore per le colture non irrigate sono stati raccolti 8 sacchi di semi di cajano (pisello dei tropici) e in parte saranno distribuiti ad agricoltori locali perché inizino a coltivarlo.

La manioca continua a crescere e gelso e laucena sono regolarmente sfalciati per integrare con vegetali verdi il fieno dato ai bovini.

 

Tanz3

 

Alcune vacche, approfittando della distrazione del guardiano, hanno nuovamente mangiato le pale delle piante di opuntia (fico d’ India) confermando così che è un alimento gradito ma compromettendo nuovamente l’impianto realizzato due anni fa.

I polli sono cresciuti e le galline hanno iniziato a produrre le uova; il programma attuale prevede la produzione di circa 10 uova al giorno e la destinazione delle uova delle migliori galline per la cova con le incubatrici, spedite a marzo dalla cooperativa insieme ad altro materiale, ed arrivate in questi giorni ad Itigi: questo darà la possibilità di arrivare ad avere circa 50 capi con una produzione ottimale di 40 uova al giorno in modo da avere la possibilità di vendere una parte di uova .

Tanz-agosto2

Le incubatrici saranno destinate anche alla produzione di pulcini per gli allevatori della zona.

Le coniglie si sono accoppiate e nelle 27 arnie realizzate ed installate presso l’Ospedale le famiglie di api sono attualmente in riposo vista l’assenza di fioriture importanti.

La produzione di latte media è scesa a l. 5 al giorno a vacca, sia a causa della stagione secca che limita la disponibilità di cibo, sia per il fatto che diverse vacche sono prossime al parto. L’obiettivo primario è avere a disposizione attrezzature più efficienti per la fienagione in modo da ottenere fieno più abbondante per tutta la stagione secca.


A Miyuji il lavoro dell’impianto idrico è quasi terminato, è iniziata la seconda vendemmia 2012 e stanno per riprendere i lavori per impiantare nuovi filari di viti. Durante la stagione secca saranno effettuati gli scassi e le concimazioni e alla ripresa delle piogge avverrà l’impianto delle barbatelle. Presso la parte di vigneto reimpiantato sarà posta una targa a ricordo del contributo della Fondazione Marchi e della Facoltà di Agraria di Firenze.